Viaggiare in moto ai tempi del Coronavirus

La pandemia che ha colpito tutto il mondo ed in particolare il nostro Paese, ha ed avrà conseguenze che, al momento, non riusciamo ad immaginare se non facendo ipotesi difficili da formulare e tutte fondate sui “se” e sui “ma”.

Enormi sforzi sono in essere in questi mesi per lo studio e la ricerca di un possibile vaccino o di una cura farmacologica efficace ma, ad oggi, pare che la strada sia ancora assai lunga e nello scriverlo speriamo di essere smentiti al più presto e che queste nostre riflessioni siano presto da chiudere in fondo ad un cassetto.

Il Covid-19 o coronavirus, che dir si voglia, partito dalla Cina, ha travolto tutti come uno tsunami invisibile che non conosce ostacoli geografici né confini; il temuto contagio sta stravolgendo la vita di tutti noi, in ogni settore e in tutte le abitudini che avevamo, nessuna esclusa. Dalla spesa di tutti i giorni all’abbraccio ad un familiare, tutto deve essere filtrato, pensato, ponderato e il nostro istinto messo a tacere.

Il nostro lavoro ci fa tenere contatti con molti Paesi e la collaborazione di tanti anni ha fatto sì che tali contatti non si limitino al solo rapporto di lavoro ma siano divenuti vere e proprie amicizie; da ormai due mesi ci stiamo sentendo con tutti i nostri amici/collaboratori e dalla Grecia al Cile, dal Tibet alla Namibia, i sentimenti, le impressioni e i pensieri sono gli stessi che abbiamo tutti noi qui in Italia.

In questo periodo noi operatori del settore turistico non possiamo far altro che attendere gli sviluppi di questa pandemia, ma non lo facciamo con le mani in mano. Approfittiamo di questo tempo prezioso per programmare e studiare nuove mete e nuovi itinerari in moto; tanto materiale era nei nostri archivi e tante esperienze fatte molti anni fa aspettavano di essere rispolverate e aggiornate.

Il lavoro è molto stimolante e in particolare stiamo rielaborando molti percorsi in moto nel nostro meraviglioso Paese. Abbiamo infatti inserito e stiamo lavorando su una serie di programmi di viaggio in Italia, dove speriamo di poter tornare a viaggiare prima che in altri luoghi e lo faremo sempre come piace a noi: con particolare attenzione a ciò che il territorio ha da offrire, sia in termini geografici ma anche storici, culturali ed eno-gastronomici.

Viaggeremo sempre nella modalità “NO CONVOGLIO” ed impareremo così a riscoprire la nostra bellissima penisola e a viaggiare ai tempi del coronavirus mettendo sempre al primo posto la nostra sicurezza e la nostra salute!
Ecco alcuni importanti accorgimenti di carattere pratico, che adottiamo in viaggio oltre al normale distanziamento e all’uso dei dispositivi di protezione individuale:

– sanificazione, mattino e sera del vano di carico dei mezzi di supporto;

– sanificazione quotidiana di tutti i bagagli che vengono caricati e trasportati dai mezzi di supporto;

– istallazione di dispenser su tutti i mezzi di supporto per la disinfezione delle mani dei partecipanti;

– sanificazione quotidiana dell’abitacolo dei mezzi di supporto.

In questo modo torneremo a soddisfare la nostra passione e la voglia di guardare il mondo su due ruote con la massima sicurezza.

Come detto il lavoro è stimolante e nutre la nostra passione di viaggi in moto, ma la situazione è parecchio pesante per la grande voglia di tornare in sella alle nostre moto ma anche da un punto di vista economico; tutto il settore turistico è in grossissima crisi, in particolare per gli amici gestori di alberghi e di ristoranti, come per noi tour operator, il lavoro è pari a zero!

Il nostro ultimo viaggio si è concluso, per fortuna, il 22 febbraio 2020 e poi siamo entrati in modalità “annullamento prenotazioni”: abbiamo dovuto cancellare sette partenze già confermate e forse ne annulleremo altre…

Un ringraziamento particolare

Ma non siamo qui per lamentarci; in questi mesi decine di migliaia di persone hanno attraversato e stanno attraversando situazioni e sofferenze terribili: il nostro pensiero va a tutti coloro che non ce l’hanno fatta e a tutti quelli che non hanno avuto la possibilità neanche di un saluto.

In particolare il nostro sentire è per gli operatori sanitari, i medici e gli infermieri: la vostra perseveranza è qualcosa di raro e straordinario. State salvando migliaia di vite, lavorando da mesi sotto una pressione inimmaginabile come ci raccontano molti nostri clienti.

Un sincero “grazie” ci viene istintivo ma vorremmo potervi esprimere la nostra riconoscenza con qualcosa in più.

Ci dispiace dover ridurre tutto ad un mero numero, ma nel nostro piccolo non abbiamo gli strumenti e il modo per farlo altrimenti. Abbiamo deciso quindi di riservare a ciascuno di voi, operatori del settore sanitario, un “bonus viaggio in moto” di Euro 100,00, valido fino alla fine del 2021,. Il bonus è valido per tutti i nostri viaggi di almeno una settimana.

Grazie di cuore!

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social!